Johannes Kepler

Comunemente italianizzato in "Keplero", nasce a Weil, nel Württemberg (Germania) nel 1571. Di salute cagionevole e con difficoltà alla vista, studiò matematica e a 23 anni divenne professore all'università di Graz, dove ebbe occasione sia l'astrologia che le idee di Copernico.
In seguito a persecuzioni religiose (era protestante) nel 1600 si trasferì a Praga a lavorare con Tycho Brahe . Dopo la morte di quest'ultimo, egli lavorò per molti anni cercando di interpretarne le osservazioni planetarie, assai abbondanti e precise. Egli cercò di trovare regolarità nel moto planetario, utilizzando diversi possibili modelli (Geocentrico, Eliocentrico e misto) e si concentrò in particolare sul moto di Marte, su cui aveva molte osservazioni. Fu in corrispondenza con Galileo e studiò anche (matematicamente) il moto dei satelliti di Giove . Dopo molto lavoro giunse alla formulazione delle leggi che portano il suo nome, che non sono che ardite estrapolazioni all'intero sistema planetario di rgolarità osservate nelle orbite di alcuni pianeti.
Nel 1628 Keplero si trasferì in Slesia dove morì a Ratisbona nel 1630.

Per maggiori informazioni vai a http://www-groups.dcs.st-and.ac.uk/~history/Mathematicians/Kepler.html