AL SERENISSIMO
COSIMO II DE MEDICI
IV GRANDUCA DI TOSCANA
Insigne istituzione certo e assai civile fu quella di coloro che tentarono di proteggere dall'invidia le opere famose di uomini eccellenti per virtù e salvare dall'oblio e dalla morte i nomi loro degni di immortalità. Perciò si tramandarono alla memoria dei posteri immagini scolpite nel marmo o fuse in bronzo, perciò si posero statue pedestri ed equestri, perciò le spese per colonne e piramidi giunsero, come disse il poeta, alle stelle, per questo infine si costruirono le città e fu loro imposto il nome di quelli che i grati posteri vollero imperituri. Tale e infatti la condizione dell'umana mente che, se non é stimolata da immagini che di continuo le si presentino dall'esterno, ogni ricordo facilmente svanisce.